Indirizzo: Via Salinella, 9/11 - 74121 Taranto     Telefono: 099/4526421     Fax: 099/9871406     Email: ordine.taranto@ingpec.eu     P.IVA: 80013760733

Informazione, una frontiera sempre più larga. Ecco l’Agenda Digitale

Comunicazioni    0 Commenti     15/11/2017

 

Il nostro Ordine è stato rappresentato in questa importante occasione romana dal consigliere segretario ing. Nicola Rochira, delegato alla commissione ICT.

Nella sede del Consiglio Nazionale degli Ingegneri si è tenuta, infatti, lo scorso 11 novembre, l’assemblea del Comitato Italiano Ingegneri dell’Informazione, costituitosi nell’ambito del CNI. Introducendo i lavori, il segretario CNI, ing. Valsecch,i ha ribadito l’assoluta attenzione che il Consiglio riserverà al settore dell’informazione che rappresenta, numeri alla mano riguardanti laureati e domanda del mercato, il futuro dell’organizzazione ordinistica. Il consigliere CNI delegato, ing.Orvieto, a sua volta ha elencato i punti sui quali sarà focalizzata l’azione del comitato: 

– Supporto alla P.A. per l’attuazione dell’Agenda Digitale
– Attenzione agli aspetti di cyber security
– Valorizzazione del ruolo degli ingegneri dell’informazione, ad esempio nei panni di CPO (Data Protection Officer) nell’ambito della nuova normativa europea GDPR (General Data Protection Regulation). 
– Industria 4.0.

“Si è inoltre discusso – ci spiega il segretario del nostro Ordine provinciale, Nicola Rochira – del rapporto tra la formazione universitaria specifica e l’attività professionale, con l’obiettivo di rendere più attraente l’attivita professionale regolamentata per i giovani”.

Di particolare intensità la discussione che si è tenuta, a Roma, sui bandi per le attività professionali nel settore ICT (Information & Communication Technology) sulle competenze e sull’introduzione (e quindi sul rispetto della normativa esistente) di attività professionali obbligatorie nel codice degli appalti: riconoscimento di profili professionali (con discussione di quanto già normato da UNINFO), limiti o aree di applicazione di obblighi di progettazione, certificazione di competenze i principali temi di questa discussione.

“Tanto lavoro è stato fatto. E tanto ce n’è ancora da fare sui temi Industria 4.0 – aggiunge Rochira a bilancio della discussione romana – infine, grazie all’impegno profuso, com’è stato ricordato in assemblea, abbiamo ottenuto l’obbligatorietà delle perizie giurate per investimenti superiori a 500.000 euro. Ma viene consigliato di avvalersi di noi anche per gli importi inferiori e sin dalla fase progettuale. Su questi temi, nel tempo, sarà maggiore la richiesta di professionisti capaci. Formarne un numero congruo rappresenterà la sfida per il Comitato nell’imminente futuro” chiude Rochira.

Torna all'inizio dei contenuti