Indirizzo: Via Salinella, 9/11 - 74121 Taranto     Telefono: 099/4526421     Fax: 099/9871406     Email: info@ordingtaranto.it - ordine.taranto@ingpec.eu     P.IVA: 80013760733

Contribuzione ridotta ai sensi Artt. 22 e 23 Statuto Inarcassa

Vecchie categorie, Adempimenti fiscali    0 Commenti     27/09/2010
L’applicazione della nuova normativa statutaria se da un lato ha esteso i benefici ad una ben più ampia platea di giovani associati rispetto al passato, dall’altro, seppure in numeri ridotti, ha creato difficoltà a quegli iscritti che, con la seconda rata del contributo minimo 2010, hanno ricevuto una richiesta di pagamento significativamente più elevata rispetto alla prima rata, per avere superato il 35° anno di età.

Il Consiglio di Amministrazione nella riunione del 23 settembre 2010, con l’intento di ridurre tale disagio e nell’ambito delle sue competenze, ha adottato la seguente deliberazione:

"Il Consiglio di Amministrazione,

    * vista le deliberazioni del 25, 26 e 27 giugno e 21, 22 luglio 2008 adottate dal Comitato Nazionale dei Delegati con le quali è stata approvata, fra l’altro, la riduzione dei contributi e l’allungamento del periodo di riduzione a favore dei giovani iscritti fino al compimento del trentacinquesimo anno di età, con il limite reddituale inferiore od uguale all’importo usato per il calcolo pensionistico di cui all’art. 25, comma 5 dello Statuto;
    * visto il Decreto Interministeriale del 5 marzo 2010 ed i successivi atti integrativi e correttivi, che hanno approvato dette modifiche dello Statuto dell’Associazione;
    * considerato che non è stata prevista dal CND in sede di approvazione delle modifiche statutarie una norma transitoria per coloro che fruivano della riduzione dei contributi ai sensi della precedente normativa statutaria;
    * preso atto che il Consiglio di Amministrazione non può deliberare in materia normativa, essendo la stessa di esclusiva competenza del Comitato Nazionale dei Delegati;
    * visto che l’introduzione della nuova normativa statutaria ha creato difficoltà e disagio negli associati che, con la seconda rata del contributo minimo, hanno ricevuto una richiesta di pagamento all’incirca triplicato rispetto alla prima rata;
    * considerato che il Consiglio di Amministrazione intende intraprendere le opportune iniziative, di sua competenza, tese a ridurre il disagio rappresentato da questa categoria di associati;
    * visto l’art. l’art. 37, comma 8 dello Statuto;
    * udita la relazione della Direzione Attività Istituzionali;
    * sentito il Presidente;
    * udito il Direttore Generale

delibera

di differire alla data del 31/12/2011 il termine per il pagamento dell’importo risultante quale differenza tra il contributo minimo dovuto in misura intera e quello determinato in misura ridotta per l’anno 2010;

di doversi applicare tale differimento agli iscritti che abbiano compiuto i 35 anni di età alla data del 31 dicembre 2009 e che siano in possesso dei seguenti ulteriori requisiti:

a)   abbiano usufruito della riduzione contributiva per l’anno 2009;
b)   si trovino in costanza di iscrizione alla data odierna;
c)   non abbiano usufruito della agevolazione per l’intero triennio previsto dalla precedente norma."

Pertanto, indipendetemente dall’importo del MAV ricevuto relativo alla seconda rata dei minimi 2010, alla scadenza del 30 settembre p.v. i soggetti di cui sopra dovranno versare, nel presupposto che abbiano corrisposto la prima rata,  il solo importo di € 349,25, tramite bonifico bancario sul c/c n° 000060030X88, intestato ad Inarcassa c/o Banca Popolare di Sondrio, Sede di Roma, via Cesare Pavese 336, Codice IBAN: IT67X0569603211000060030X88.

L’importo restante di € 1.173,50 dovrà essere versato entro il 31/12/2011.

Chi desiderasse assistenza può rivolgersi al Call Center Inarcassa al n. 06.85274330, dal lunedì al venerdì h. 8.30-13.00 / 14.15-17.00.

Lascia un commento

Torna all'inizio dei contenuti